mercoledì 14 novembre 2018

Incontro con Ingroia: quando la legalità vince la mafia

Domani, nell'ambito del progetto sulla "Legalità", alcune classi dell'Istituto si recheranno presso il Teatro Caffeina di Viterbo per partecipare alla Lectio magistralis con il PM del Pool antimafia Antonio Ingroia.




giovedì 1 novembre 2018

I nostri studenti delle Scienze umane e del musicale, insieme al Frankenread@Distu

Unitus, il Distu celebra il bicentenario della pubblicazione di “Frankenstein”


Il Frankenread@Distu si tiene il 31 ottobre al dipartimento di studi linguistico-letterari, storico-filosofici e giuridici (Distu) in via San Carlo con orario 9-13 e 16-18,30. Ingresso gratuito.Viterbo – Due secoli di terrore e paura. Il Distu si unisce alle celebrazioni mondiali per il bicentenario della pubblicazione di “Frankenstein”.

Essenziale il contributo del liceo scientifico Paolo Ruffini, il liceo delle scienze umane e musicale Santa Rosa da Viterbo e il liceo ginnasio e linguistico Mariano Buratti di Viterbo.
Il 1816 è l’anno i cui Percy Bysshe Shelley, Mary Wollstonecraft Godwin (prossima sposa di Shelley), Lord Byron e John William Polidori si incontrarono per la prima volta sulle sponde del lago di Ginevra.
Per ricordare questo ritrovo straordinario e le opere che in vario modo sono ad esso connesse, a tutti gli effetti tra i miti fondatori della nostra modernità, la Keats-Shelley Association of America ha lanciato l’evento globale Frankenreads, aperto alle istituzioni culturali, i musei e le università interessati a celebrare il bicentenario della pubblicazione di Frankenstein di Mary Shelley, apparso per la prima volta proprio nel 1818.
A Viterbo hanno aderito ai festeggiamenti, su invito degli organizzatori americani, Francesca Saggini, ordinario di letteratura inglese al dipartimento di studi linguistico-letterari, storico-filosofici e giuridici e Roberta Delle Monache, Tiziana Iadicicco, Catia e Cinzia Pontecorvi, docenti di inglese del liceo scientifico Paolo Ruffini, del liceo delle scienze umane e musicale Santa Rosa e del liceo ginnasio e linguistico Mariano Buratti.

Studenti del Liceo S.Rosa, Scienze umane, The readers
Una sinergia unica scuola-università, resa possibile grazie alla meticolosa preparazione fornita dalle docenti dei licei, che avrà il suo momento più significativo domani 31 ottobre con una maratona di lettura in inglese di passi scelti di Frankenstein fatta dagli studenti, con l’accompagnamento dei loro colleghi dell’indirizzo musicale del liceo Santa Rosa, seguiti da Donato Cambò, Armando D’Eugenio e Matteo Martizi.

Studenti del Liceo musicale S.Rosa
Si uniranno a questa lettura incrociata anche gli studenti dei corsi di letteratura inglese del Distu, coinvolti a rafforzare i ranghi dei lettori “senior”. Nel pomeriggio la maratona di lettura, questa volta in italiano, proseguirà grazie ai circoli dei lettori della provincia di Viterbo, coinvolti da Maria Giovanna Pontesilli dell’università della Tuscia.
Questa seconda tranche delle celebrazioni terminerà con l’intervento del dottor Giovanni Montemari, medicina plastica e ricostruttiva Asl Viterbo (ospedale Belcolle), che dialogherà con Saggini sulle intersezioni tra aspetto e identità in un’ottica medica e sociale, un tema strettamente connesso al romanzo di Mary Shelley.
L’incontro pomeridiano al San Carlo avverrà in contemporanea con la maratona di lettura tenuta alla Us library of congress, proiettata in livestream direttamente da Washington. Il Frankenread@DISTU è accompagnato da una mostra che raccoglie numerose testimonianze visive dei testi affrontati dagli studenti dei licei e del Distu durante gli incontri di preparazione alla giornata. L’evento fa parte delle attività di orientamento del Distu ed è aperto a tutti gli interessati.

domenica 28 ottobre 2018

#ioleggoperché - evento "lettura e concerto" degli studenti del Santa Rosa

Presso la libreria dei Salici di Viterbo, venerdì 26 ottobre, alle ore 16.30, eccoci pronti e attivi per il contest #ioleggoperché con testi e musiche letti, scelti ed eseguiti da noi studenti del Liceo delle Scienze umane e musicale S. Rosa. E non finisce qui ... A breve tante altre novità!












Lezione-concerto su Beethoven

Sabato 27 ottobre, presso l'Aula Magna dell'Istituto, si è tenuto l'incontro del pianista Sandro De Palma con gli studenti del Liceo Musicale S.Rosa. Il maestro ha intrattenuto la platea con una lezione-concerto su Beethoven che ha spaziato nello stile e nel carattere del compositore con sapienti interventi al pianoforte.






Per approfondire visita anche
www.tusciatimes.eu - "A scuola di Beethoven"

Il liceo S. Rosa da Viterbo al Film festival di Pistoia


Il Cortometraggio "FRAGILE COME UN GUSCIO D'UOMO"  (già finalista all'EDU SHORT MOVIE FESTIVAL di Montefiascone - VT) arriva alle finali del Mauro Bolognini Film Festival di Pistoia che si svolgeranno nelle giornate di Sabato 24 Novembre e Domenica 25 Novembre presso il Teatro Bolognini del capoluogo toscano.
Il cortometraggio è stato realizzato all'interno del laboratorio inclusivo di Produzione Cinematografica del Liceo di Scienze Umane e Liceo Musicale Santa Rosa da Viterbo (Dirigente Scolastico Alessandro Ernestini) durante l'anno scolastico 2017/2018 a cura del Dipartimento di Sostegno (docenti responsabili Prof.ssa Ida De Rossi, Prof.ssa Stefania Diamanti); Coordinamento tecnico e regia di Alberto Giovannini (Educatore Sociale).


La Giuria che assegnerà il premio sarà composta esclusivamente da studenti delle scuole superiori di Pistoia. In base ai voti di preferenza espressi sarà stilata una graduatoria di merito. Il premio sarà assegnato direttamente al vincitore, nel corso della giornata conclusiva del Festival (domenica 25 novembre 2018)

Ecco il lotto dei cortometraggi finalisti:
ITI “Galileo Ferraris” di San Giovanni la Punta (CT) con Circle
IIS “Niccolò Machiavelii” di Pioltello (MI) con The final list
LSU “Valfredo Carducci” di Forlimpopoli (FC) con Tune out
ITI “E. Medi” di Napoli con 103 Km
LSUM “S. Rosa” di Viterbo con Fragile come un guscio d’uomo
LC “Ugo Foscolo” di Albano Laziale con Ho visto la luna
LSU “B. Spaventa” di Città Sant’Angelo (PE) con La scelta
IIS “A. Avogadro” di Torino con Il pericolo non manda notifiche
LSU “Assunta Pieralli” di Perugia con Graffiti
LS “Annibale Calini” di Brescia con Art trailer 2018
Il cortometraggio è pubblicato sul sito internet della scuola ed è visibile su You Tube (digitare - Fragile come un guscio d'uomo - )
Oppure, come sopra, su questo blog d'Istituto Liceo Santa Rosa.
Articolo pubblicato anche su Tuscia Web 


martedì 23 ottobre 2018

In prima linea contro la camorra

Giovedì 25 ottobre, la rete degli studenti "solidali" del Liceo Santa Rosa perteciperà all'incontro "In prima linea contro la mafia" tenuto da Don Luigi Merola, noto "prete scomodo" per le sue battaglie e i suoi libri denuncia contro l'illegalità, e per le sue azioni a favore del recupero delle risorse sottratte alla malavita, presso l'Auditorium di S.Maria in Gradi dell'Università della Tuscia di Viterbo.

mercoledì 17 ottobre 2018

Contest #ioleggoperché. Il 26 ottobre siamo presso la Libreria dei Salici. Vi aspettiamo!


Venerdì 26 ottobre 2018, presso la Libreria dei Salici di Viterbo, il Liceo delle Scienze Umane e Musicale Santa Rosa, ha organizzato un evento culturale sulla lettura guidata dalla musica che vedrà coinvolti i ragazzi delle classi quarte e quinte dei diversi indirizzi.

L’evento, di breve durata,  è  inserito nel contest #ioleggoperchè (si veda il sito ufficiale di riferimento https://www.ioleggoperche.it/ ), e si svolgerà alle ore 16:30.



Lo scopo è incrementare il patrimonio librario della nostra biblioteca.

#passateparola! Partecipate numerosi.

Tutto il personale della scuola è invitato.

Referente del progetto, Prof.ssa Maura Oroni.



Ancora un ottimo traguardo per gli studenti di lingua francese


Anche quest'anno le alunne, che hanno seguito il Corso di preparazione alla Certificazione di Lingua francese tenuto dalla Prof.ssa Ilaria Mannocci, hanno ottenuto il Diploma DELF B1.
Complimenti, ragazze!

mercoledì 12 settembre 2018

Si ricomincia... Buon anno scolastico!

Il Liceo Santa Rosa augura un buon anno scolastico 
a tutti gli studenti e alla comunità scolastica

13 settembre 2018
Si ricomincia... #incontinuaevoluzione




mercoledì 13 giugno 2018

Un anno pieno di creatività

Nell'ambito delle iniziative promosse dal Dipartimento di Sostegno, e per tutto il corso dell'anno scolastico, è stato attivo il Laboratorio Creatività del Liceo Santa Rosa grazie all'impegno degli studenti e dei docenti coinvolti in una didattica inclusiva.



Gli studenti hanno creato bellissimi oggetti per accompagnare i vari momenti festivi dell'anno, come il Natale e la Pasqua, allestito mercatini, costruito giochi condivisi in classe e in attività di ASL, realizzato ben 100 decorazioni per la Cooperativa Arcobaleno.
Tanti i momenti di condivisione che hanno dato prova della ricchezza relazionale del lavoro svolto.

Il Dipartimento ringrazia tutti coloro che hanno partecipato e augura a tutti 
Buone Vacanze.

m.s.

lunedì 4 giugno 2018

Il Liceo Santa Rosa e i vincitori del Premio Augusto Vismara 2018

SCUOLA, IL “PREMIO LETTERARIO VISMARA” LO VINCE FRANCESCO LIPPOLIS

Sara Preite, 2° classificato - Costanza Cataluddi, 3° classificato
Foto MAG

 Il “Premio Letterario Augusto Vismara”, nato da più di trent’anni su iniziativa della famiglia presso l’Istituto Magistrale Statale “S. Rosa da Viterbo” dove Vismara fu docente emerito, vuole ricordare la figura poliedrica dell’uomo, scrittore, grande giornalista e storico sempre attento ai problemi della società civile che tracciava con decisione, ironia e qualche volta, con umorismo.
Dopo che la Commissione giudicatrice del Premio di quest’anno ha concluso i lavori nella scuola S. Rosa, trasformata da Istituto Magistrale a Liceo delle Scienze Umane e Liceo Musicale, oggi, 26 maggio, nel 32esimo anno dalla morte del prof Vismara, si è tenuta la Cerimonia di premiazione del Concorso letterario nell’Aula Magna dell’Istituto.
1° Classificato, Francesco Lippolis
Al dirigente scolastico Alessandro Ernestini, al suo primo anno di dirigenza, è toccato l’onere di illustrare la valenza del Premio che dà lustro all’istituto e “valore aggiunto per i ragazzi che devono avere continuità, memoria e apprendere da tutto questo, insegnamento”. E precisa: “Importante ricordare una persona come il prof Vismara che ha fatto la storia di questo istituto, e per noi non solo è un atto dovuto, ma un enorme piacere con un debito di riconoscenza”.
2° Classificato, Sara Preite

3° Classificato, Costanza Cataluddi

Per allietare l’attesa della premiazione, siede al pianoforte una bravissima studentessa che fa ascoltare un breve intermezzo musicale. Applausi.

A questo punto interviene la prof.ssa Maria Luisa Cantarella, segretaria della commissione incaricata ogni anno della realizzazione del Premio, che rivolge due parole sulla personalità del prof Vismara uomo: “L’ho avuto come docente in questa scuola, come collega in questa scuola, ed ho condiviso con lui le esperienze di lavoro ma anche di vita”. E continua: “Vismara era onesto e perbene, in lui tante altre doti, la sorte gli aveva dato una mente di grandi capacità intellettive e un animo altrettanto ricco di generosità, umanità e sensibilità non comune”.
Un secondo breve intermezzo musicale interrompe le parole e porta in scena altri studenti che eseguono con diversi strumenti arie famose curate dai prof maestri Cambo e Biscetti,  che ottengono, ovviamente, tanti applausi.



Studenti del Liceo Musicale
Ora è arrivato il momento di sapere i nomi dei vincitori del Premio che ha chiesto ai venti partecipanti un elaborato sul tema: “A seguito delle intimidazioni e delle misure repressive riservate ai giornalisti in numerose parti del mondo ho sentito l’esigenza di intervenire nell’acceso dibattito sulla realtà dell’informazione inviando una articolo alla redazione di una testata nazionale”.
Il Primio Premio di 500 euro con una copia del libro del prof Vismara “Cara Viterbo” se lo aggiudica l’alunno Francesco Lippolis
Secondo Premio va a Sara Preite
Terzo Premio va a Costanza Cataluddi

venerdì 25 maggio 2018

Fragile come un guscio d'uomo




"FRAGILE COME UN GUSCIO D'UOMO" 
Cortometraggio realizzato all'interno del laboratorio integrato di Produzione Cinematografica durante l'anno scolastico 2017/2018 a cura del Dipartimento di Sostegno (docenti responsabili Prof.ssa Ida De Rossi, Prof.ssa Stefania Diamanti). 
Coordinamento tecnico e regia di Alberto Giovannini (Educatore Professionale).
Di seguito il BACKSTAGE del cortometraggio 

mercoledì 23 maggio 2018

Due intense giornate per dire no alla violenza: genocidi del Novecento e femminicidio.

Gli studenti del Liceo Santa Rosa hanno partecipato con entusiasmo e competenza al meeting internazionale di Semi di Pace presso la Cittadella di Tarquinia, intervenendo attivamente sia nella presentazione dei più tragici genocidi della storia del Novecento che nell'esecuzione di significativi e toccanti inserti musicali grazie alla partecipazione del gruppo orchestrale del Liceo musicale. Toccante il brano solista della giovane cantante Nicol Oroni.




============

“I genocidi dimenticati del Novecento”. È questo il tema che aprirà il XII meeting internazionale Esploratori di Valori di Semi di Pace onlusil 18 maggio (dalle ore 9.30), alla Cittadella, sede dell’associazione.
La prima giornata dell’evento sarà incentrata sul genocidi armeno e ruandese. Tragedia d’inizio Novecento, il genocidio armeno è ancora oggi al centro di profonde tensioni tra la Turchia, che nega la storicità dei fatti, e le altre nazioni che hanno riconosciuto ufficialmente quanto accaduto durante e dopo la prima guerra mondiale. A parlarne saranno Robert Attarian, del Consiglio per la Comunità Armena di Roma, e Gabriele Rigano, docente di storia contemporanea all’Università per Stranieri di Perugia. Avvenuto a metà degli anni Novanta in Ruanda, piccola repubblica dell’Africa Centrale, il genocidio dei tutsi è storia contemporanea. Ad affrontare il tema Françoise Kankindi, presidente dell’associazione Bene-Rwanda onlus.
«Alla Cittadella abbiamo inaugurato il Memoriale della Shoah nel 2016 e lo scorso anno la mostra “La Shoah in Italia. Persecuzione e Deportazioni (1938-1945)” – dichiara Semi di Pace – L’installazione vuole, in senso più ampio, ricordare tutti genocidi del XX secolo. Per intraprendere questo percorso abbiamo quindi deciso di puntare l’attenzione su due drammi poco conosciuti, in cui sono morte milioni di persone». Il XII meeting internazionale Esploratori di Valori è patrocinato dal Senato della Repubblica, dalla Regione Lazio, dalla Provincia di Viterbo, dal Comune di Tarquinia, dallo Snadir, dall’Anteas Lazio e dalla Diocesi di Civitavecchia-Tarquinia.
I nostri video (clicca sui link)