venerdì 22 dicembre 2017

Risonanti melodie ... Un augurio speciale dal Santa Rosa

CONCERTO  DI  NATALE  

Coro e Orchestra del Liceo Musicale 
Santa Rosa 


20 dicembre, 2017 - Teatro dell'Unione, Viterbo 

BUON NATALE & FELICE ANNO NUOVO!!!


Leggi anche l'articolo 
"Tutto pronto per il Concerto di Natale del Liceo Santa Rosa"


Semi di pace e la nostra scuola, per i terremotati di Norcia

Non ci siamo dimenticati di loro, dei terremotati d'Italia e in particolare di quelli di Norcia, dei bambini senza una scuola. In un momento di festa come il Santo Natale, in cui la gioia e la serenità dovrebbero essere per tutti, il nostro pensiero è andato anche a loro, grazie all'azione di beneficenza realizzata dalla nostra scuola, il Liceo S.Rosa, nell'ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro, insieme all'Associazione internazionale onlus, Semi di Pace.



Domenica 16 e sabato 17 dicembre, presso la sede del Liceo S.Rosa e presso Piazza del Comune di Viterbo, ci siamo riuniti, affiancati dai nostri docenti tutor, i Proff. Longo, Mannocci, Felice, Sanfilippo, al fine di raccogliere fondi attraverso la vendita di panettoni, pandori e cestini natalizi.























Con il sorriso e con l'affetto, abbiamo raggiunto il calore dei passanti che hanno contribuito generosamente a questa lodevole iniziativa.



Le classi promotrici, III AM - III CE - IV DU, si sono alternate in gruppi organizzati di studenti dalle ore 9.00 del mattino fino a tardo pomeriggio.



E l'obiettivo è stato raggiunto con grande successo

Anche noi del Santa Rosa, possiamo dire orgogliosamente, avremo contribuito ad innalzare un mattone in più per i terremotati del Centro Italia.

BUONE FESTE !!!
Classi IIIAM - IIICE - IVDU

Liceo dell Sc.Umane e Musicale, S.Rosa



Buone feste con "Creatività"

Nei giorni 19-21-22 dicembre, il Dipartimento di sostegno ha organizzato il consueto “Mercatino di Natale” grazie ai bellissimi oggetti natalizi realizzati all'interno del laboratorio “Creatività” a cui hanno partecipato piccoli gruppi di alcune classi dell'Istituto. 

Il video sottostante ne documenta l'attività, che ha coinvolto gli studenti fin dai primi mesi di scuola.



Il ricavato sarà utilizzato per futuri acquisti di materiale scolastico e/o necessario per lo svolgimento delle attività dei laboratori attivati dal Dipartimento stesso. 

Con l’occasione si ringrazia tutti coloro che hanno contribuito all'iniziativa e si augura BUONE FESTE.

martedì 19 dicembre 2017

Tutto pronto per il concerto di Natale del Liceo santa Rosa

Viterbo – Viterbo. Mercoledì 20 dicembre, alle 17,30. Ospiti per la prima volta del teatro Unione, si terrà il consueto concerto di Natale dei ragazzi del liceo delle scienze umane e liceo musicale Santa Rosa da Viterbo.
Ormai da settimane i ragazzi dell’indirizzo di Scienze umane si stanno dedicando all’organizzazione dell’evento, mentre quelli del liceo musicale provano e riprovano con puntigliosa cura i brani da eseguire.
“Un Natale molto social, questo 2017 – afferma il nuovo dirigente scolastico del Santa Rosa, Alessandro Ernestini – un video improvvisato dai ragazzi durante una pausa delle prove e girato all’interno di una paninoteca, è diventato virale ricevendo più di 50mila visualizzazioni; mentre è d’imminente uscita un video promozionale dell’istituto realizzato per le vie della nostra città, con riprese effettute da un drone. Tutti hanno partecipato al set: studenti e personale del nostro istituto, docenti e non docenti.
Per tornare al concerto – presegue Ernestini – un particolare ringraziamento va al comune di Viterbo, che ha voluto concedere al nostro istituto di usufruire di una così prestigiosa location. Un grande in bocca al lupo ai ragazzi del liceo delle scienze umane e liceo musicale Santa Rosa!

Programma
Laboratorio Orchestrale (Coro e Orchestra)
F. Mendelsshon, Hark! The Herald Angels sing
Coro del Liceo Musicale “Juvenilis Harmonia”
Anonimo, Noel nouvelet
Anonimo, Bambino Divino
G. Croce, Cantate Domino
Henry Mancini Moon River
Pierlot, Jingle bells
Canto tradizionale, Hark how the Bells
Laboratorio Orchestrale (Archi e Fiati)
A. Corelli, dal Concerto grosso op.6 n.8 “Pastorale”
Canto tradizionale, Carol of the Bells
Anonimo, White Christmas
Edvard Grieg, In der halle des Bergkonigs
Tchaikovsky, Swan lake op. 20
J. S. Bach, dalla Cantata 147 “Corale”
Laboratorio Orchestrale (Wind Orchestra)
Christian Bouthier, The Craftsmen
G. David Weiss e B. Thiele, What a Wonderful World
Jan van Kraeydonck, The magic of Christmas
Laboratorio Orchestrale (Coro e Orchestra)
Ennio Morricone, C’era una volta in America
Anonimo, Good King Wenceslas
Anonimo, Branle de l’Officiel
Si ringraziano:
D.S. Alessandro Ernestini e D.S.G.A. Paola Mancini – Direttore del Conservatorio di Musica “Santa Cecilia” – Tutte le autorità presenti – I docenti, il personale ATA dell’Istituto e gli studenti che hanno collaborato attivamente per la riuscita della manifestazione – I docenti delle discipline musicali: Bernardi: canto, esercitazioni corali e storia della musica – Bellavia: canto – Bellini: pianoforte – Biscetti: pianoforte e musica da camera – Di Paolo: chitarra e musica da camera – Cambò: flauto – Galamini: oboe – Ramirez: clarinetto e musica d’insieme fiati – Ferreri: sax – D’Eugenio: tromba e musica d’insieme fiati – Saraconi: corno – Moscatelli: trombone soricone: tuba – Pisana: violino – Bottiglioni: viola e musica d’insieme archi – Vitali: violoncello e musica d’insieme archi – Fabrizi: contrabbasso – Martizi: percussioni – Di Loreto: fisarmonica – Papaleo: chitarra elettrica – Pisani: storia della musica – Bastianini: teoria, analisi e composizione – Coralluzzo: tecnologie e informatica musicale
Gli alunni del liceo delle Scienze umane e musicale. Il dirigente scolastico Alessandro Ernestini, il D.S.G.A. Paola Mancini, il personale docente, il personale Ata augurano a tutti voi un sereno Natale e un felice anno nuovo.
Professoressa Giorgia Giorgini

Primo appuntamento Open day a suon di musica


Male'ndrine. Al Teatro Vittoria per dire no alla 'ndrangheta

Il giorno 11/10/2017 a Roma, al Teatro Vittoria, si è svolto uno spettacolo teatrale educativo di forte impatto  organizzato dal Miur nell'ambito della "Legalità" per le scuole del centro Italia, ossia "Male'ndrine" a cui abbiamo partecipato anche noi del Liceo Santa Rosa da Viterbo.
In scena gli attori Francesco Forgione e Pietro Sparacino hanno affascinato tutta la platea degli studenti raccontando in forma dialogata i temi più scottanti della mafia, l'illegalità e i soprusi contro la "brava" gente, la potenza attuale della 'Ndrangheta, ormai diffusa in tutto il mondo. 


Gli attori sono entrati nei particolari dello sviluppo delle "Male'ndrine", nel modo di pensare e di agire strettamente basato sui particolari legami familiari e religiosi, devi veri e propri riti privati e segreti tali da renderne difficile lo sdradicamento. 

L'evento è concluso alle ore 13:00


Link rassegna stampa

Erika Vastola e Gianni Mancini, VAM

sabato 16 dicembre 2017

Augurando un sereno e felice Natale ....

Il Liceo delle Scienze Umane e Musicale
"Santa Rosa da Viterbo"

ha il piacere di invitarvi al 

CONCERTO DI NATALE 2017


Mercoledì 20 Dicembre, ore 17.30

TEATRO DELL'UNIONE 
Piazza Giuseppe Verdi, Viterbo

Vi aspettiamo!!!



martedì 5 dicembre 2017

“Siamo qui per la nostra scuola!”

Fonte TusciaWeb.eu

 

Viterbo800 studenti del liceo musicale santa Rosa a valle Faul per una speciale performance


Volere è potere. Questo il motto che ha guidato il liceo delle scienze umane e musicale “Santa Rosa da Viterbo” nel pianificare, organizzare e realizzare un’impresa forse unica fra le scuole del territorio.

800 studenti si sono dati appuntamento presso la sede centrale dell’istituto, in via san Pietro, per poi incamminarsi, con la preziosa collaborazione di uomini e donne della polizia municipale, alla volta di valle Faul per una speciale performance.
Ad attenderli, silenzioso e accogliente, c’era il “gigante” (nota opera di urban art dello scultore americano Seward Johnson): “Risveglio” dell’uomo e delle coscienze.
Il folto gruppo, condotto dal dirigente scolastico Alessandro Ernestini, si è immerso nei suggestivi tratti del nostro splendido centro storico che con i suoi suggestivi archi e i suoi profferli ha fatto da cornice al suo passaggio. I sorrisi stampati sui volti degli studenti, la loro voglia di essere “attori protagonisti” e parte integrante della propria scuola, il loro comportamento corretto ed educato ha fatto il resto.

Un drone, manovrato dal tecnico professionista del settore, Bruno Sisti, ha ripreso dall’alto scenari incredibili: dai tetti di Via Cavour, illuminati da un timido quanto invocato sole al “serpentone” dei ragazzi che ha raggiunto piazza del Comune, per poi apprestarsi alla volta del “Gigante”. Un corpo unico, un unico cuore.

“Siamo qui per la nostra scuola!” Si ringraziano tutti i docenti e il personale tecnico intervenuto, i rappresentanti d’istituto, che hanno sapientemente gestito la manifestazione, gli studenti protagonisti di questa avventura nonché il dirigente scolastico Ernestini, che ha fortemente creduto in questa opportunità.
A breve il video sarà online sui social e siti web.
Giorgia Giorgini 

sabato 25 novembre 2017

#Non una di meno … Stop alla violenza sulle donne



In molto Paesi, tra cui l’Italia, si celebra quest’oggi la Giornata contro la violenza sulle donne, istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con la Risoluzione 54/134 del 17 dicembre 1999 allo scopo di sensibilizzare le persone riguardo tal argomento e prestare supporto alle vittime.
Viene scelto il 25 Novembre per ricordare il giorno in cui avvenne l’omicidio delle Sorelle Mirabal a Santo Domingo, le quali si opponevano al regime di Rafael Leónidas Trujillo.

Il colore della giornata è tradizionalmente l’arancione, tuttavia in Italia viene preferito l’uso del colore rosso, che si lega all’usanza popolare di abbandonare delle scarpe rosse nelle piazze per denunciare il Femminicidio, usanza introdotta dall’artista messicana Elina Chauvet.


Ma in una scuola prettamente femminile come il Santa Rosa, cosa ne pensano il nostro Dirigente Scolastico, dott. Alessandro Ernestini e la nostra rappresentante d’Istituto, Francesca Bonderasco?

“È un’occasione di profonda riflessione. La cronaca ci fornisce quotidianamente situazioni al limite dell’immaginabile che i mass media  veicolano con frequenza crescente, a volte con  dovizia di particolari raccapriccianti. Ritengo sia giusto prestare particolare attenzione a questo evento, ma contesto - mi permetto di aggiungere - il fatto che ci si ricordi del ruolo della donna solo nell’ambito di una giornata dedicata. purtroppo, duole dirlo, storicamente la figura della Donna come “sesso debole” è dominante: è stata la protagonista di soprusi e abusi fisici e psicologici che al giorno d’oggi non hanno ragione d’essere in una società che dovrebbe essere evoluta in tal senso. Pertanto, penso sia necessario un momento di riflessione, ma altresì coltivare un pensiero, un atteggiamento collettivo. E’ questo che deve cambiare.”

Così testimonia il nostro Preside, mentre Francesca Bondarenco, nostra unica rappresentante di sesso femminile, aggiunge: “Purtroppo di questi tempi il tema della violenza sulle donne è un argomento da affrontare, e non solo come ricorrenza iscritta in un calendario: ogni giorno dovremmo ricordare quanto sia sbagliato usare la forza fisica su una persona inerme. Si sente sempre più spesso di notizie di stupri, di ex compagni gelosi che, per quanto si professino innamorati, arrivano ad uccidere anche i propri figli o sfigurare il volto delle loro “amate”. Ogni giorno è un’occasione per denunciare; ogni giorno è un’occasione per dire NO alla Violenza, attraverso l’educazione soprattutto dei giovani, e costruire una società del rispetto per le persone, perché questo siamo, persone.
Comportiamoci come tali.”



Alla luce di questi pensieri mi viene spontaneo chiedere a tutte le ragazze e giovani donne che leggeranno questo articolo: “vi accontentate di una singola giornata per un tema così delicato?”
Anche nella nostra provincia si sente sempre più spesso di eventi similari al resto d’Italia: il tasso di crescita è preoccupante!
Ragazze non abbiate paura di mostrare quello che valete, non il 25 Novembre, ma tutto l’anno. Abbiate il coraggio di denunciare le violenze, se ne subite, e non abbiate paura di rimetterci la faccia per combattere in prima linea questa piaga, perché ricordate che voi tutte, senza nessuna distinzione, siete il dono più bello che all’umanità sia stato concesso.


di Francesco Lippolis

IVAE



mercoledì 4 ottobre 2017

L'Ensemble Juvenilis Armonia del Liceo musicale al Fesival barocco

Il 15 settembre scorso presso la bellissima chiesa del Gonfalone di Viterbo, l'ensemble "Juvenilis harmonia", diretto dalla prof. Bernardi Antonella, insieme con i Maestri Gino Nappo (cembalo e organo), E. Blasetti (chitarra barocca) e Cesare Mangiocavallo (percussioni barocche), ha tenuto l'ultimo dei tre concerti previsti nel cartellone del Festival Barocco 2017. Strepitoso il successo ottenuto: il folto pubblico intervenuto ha richiesto tre i bis cui si è aggiunta una inaspettata standing ovation.









martedì 22 agosto 2017

Summer music campus - II edizione di successo

Si è conclusa con eccellente successo la II Edizione del “Summer music campus” promosso dal Liceo Musicale “S.Rosa da Viterbo”, gestito in collaborazione con il Comune di Villa S.Giovanni in Tuscia e la direzione artistica dell’Associazione LiBerArmonia.

Il Campus si è svolto tra il 10 e il 29 luglio presso il Liceo Musicale; i corsi attivati, hanno visto la partecipazione di una sessantina di ragazzi provenienti non solo dal Liceo cittadino, ma dalla provincia, dal Lazio e da fuori regione, di età compresa tra i 12 e i 20 anni. Quest’anno oltre ai corsi di strumento tradizionali sono stati attivati anche i corsi di “Teoria e Solfeggio”, “Elementi di armonia”, “Composizione”, “Laboratorio corale” e “Chitarra jazz” e “Jazz groups”


Motivo di grande arricchimento è stata la presenza non solo di docenti provenienti dal Liceo di Viterbo, ma anche di docenti e concertisti di altre realtà musicali.
I ragazzi che hanno partecipato al “Laboratorio Orchestrale” hanno potuto arricchire e consolidare le proprie abilità strumentali grazie alla grande esperienza orchestrale e alla riconosciuta professionalità di elevato spessore artistico della violinista Liliana Bernardi, concertista di fama e docente di violino presso il Conservatorio Statale di Musica “Morlacchi” di Perugia.  



Gli appuntamenti musicali animati dai ragazzi, a Viterbo presso l’Auditorium e a Villa S.Giovanni in Tuscia hanno visto la presenza di un nutrito pubblico che ha dimostrato notevole apprezzamento per le kermesse concertistiche.

Di seguito i video di alcune performance.
Buon ascolto!













lunedì 5 giugno 2017

Parliamone: "Lasciami stare!"

"Lasciami stare - Storia di Francesco" è un cortometraggio sul tema della violenza realizzato dagli alunni della classe III AE del Liceo Santa Rosa nell'ambito del Progetto "Parliamone" del Dipartimento di Sostegno dell'Istituto in collaborazione con il Centro anti-violenza Erinna di Viterbo e lo SPI.




School of Rock

"School of Rock" è un cortometraggio musicale realizzato nell'ambito del Dipartimento di Sostegno, e all'interno del Progetto di Istituto di didattica inclusiva - Laboratorio di cinematografia - al quale hanno partecipato alunni del Liceo musicale insieme ad alunni con BES.



Gli alunni hanno collaborato alla stesura della sceneggiatura, alla realizzazione di un brano musicale e si sono sperimentati in prima persona nel ruolo di attori.


Referente del Progetto: Prof.ssa Stefania Zappi
Educatori: Alberto Giovannini, Maria Cafaro, Irene Gabrielli

martedì 16 maggio 2017

Certificazione di lingua francese raggiunta con successo

ESAMI DELF                                                                   
         

Nei giorni 09 e 10 maggio si sono svolti gli esami delle Certificazioni di lingua Francese DELF B1 presso il liceo “Buratti” ai quali hanno partecipato 7 alunne del nostro liceo:

AMMUCCIATO Erika
BERNARDINI Martina
BERTOCCI Maria
BROCCHI Francesca
DUMBRAVA Alexandra
LATTANZI Vanessa
RAGGI Alessia

Le alunne hanno seguito durante l’anno un corso di preparazione organizzato e svolto dall’insegnante curricolare Mannocci Ilaria, referente del progetto di potenziamento “Certificazione di Lingua Francese”.


La certificazione linguistica è un passaporto per la mobilità in Europa e nel mondo. È una qualifica che valorizza il curriculum dello studente:

·         dà crediti formativi a scuola per l’Esame di Stato;
·         all’università consente di ottenere l’idoneità per gli esami di lingua francese;
·          permette di  iscriversi nelle università francesi senza test linguistico d’ingresso;
·          facilita l’accesso ai programmi europei Erasmus, Leonardo e a oltre 180 doppi     diplomi italo-francesI;
·          apre le porte del mondo lavorativo in Italia e in Francia. 

Un ringraziamento alle alunne che hanno seguito con costanza il corso ed hanno dimostrato tenacia e amore per la lingua francese.


A giugno sapremo i risultati. Per ora….BONNE CHANCE!!!

martedì 2 maggio 2017

Primo premio assoluto per l'Ensemble vocale Juvenilis harmonia

Un'altra vittoria per l'Ensemble vocale “Juvenilis harmonia” del Liceo Musicale “S.Rosa da Viterbo”, sabato 29 aprile scorso ha infatti vinto il primo premio assoluto al XVIII Concorso Nazionale Etruria di Piombino.
Presidente di giuria il noto pianista e camerista di fama internazionale Piernarciso Masi che ha avuto parole di elevato apprezzamento per la giovane formazione viterbese.


I componenti dell'Ensemble,diretti dalla Prof.ssa Bernardi Antonella, sono: Anesini Giulia,Ferretti Silvia, Zazzu Eleonora, Oroni Nicol (Soprani), Servignani Gioanna, Di Gennaro Giada, Stella Claudia (contralti),Anselmi Alessandro,Biagiotti Michele, Castè Aldo (tenori), Jacopo Burla, Malvezzi Filippo, Mancini Gianni (bassi).



Tra i brani eseguiti durante il concorso anche “Je cherche la titine” nella splendida versione trascritta a quattro voci miste dal Maestro viterbese Gino Nappo.




giovedì 27 aprile 2017

I pellegrini nel medioevo.

In una civiltà di segni, fortemente radicata nell’immagine, facilmente si sarebbe potuto riconoscere un pellegrino, soprattutto al ritorno da Roma quando venivano appuntate sulle vesti o sul cappello le immagini di San Pietro e San Paolo. All’andata sarebbe bastata una conchiglia, che nel tempo era divenuto simbolo del pellegrino. Il bastone (bordone) rappresentava la fede alla quale ogni pellegrino si doveva appoggiare; la bisaccia stava a significare la carità cristiana ed era sempre aperta per dare e per ricevere.
 


Il pellegrino si metteva così in marcia per commissione altrui, per penitenza canonica e giudiziaria, per lucrare le indulgenze.
In ogni caso è sempre un insieme di motivi a muovere il pellegrino a compiere il santo viaggio. Si va principalmente a Roma, alla tomba di San Pietro, centro della cristianità e luogo che conserva il maggior numero di reliquie (così definita da Papa Nicolo IV nel 1289). Ma soprattutto si parte per un profondo incontro con Dio. In tale prospettiva la Via Francigena diventa la strada che porta alla contemplazione di Cristo.

 


Il periodo preferito per partire per un pellegrinaggio era la metà d’Agosto, durante la Settimana Santa e in prossimità della festività di San Michele (29 settembre). Era anche il periodo in cui si celebravano ovunque il maggior numero di fiere, così che lungo le strade si trovava più facilmente da mangiare. Si sceglieva una stagione calda anche perché così non era necessario portarsi degli indumenti pesanti ed era possibile dormire su un giaciglio di paglia o addirittura all’aperto.
Normalmente il pellegrinaggio avveniva a piedi poiché non molti potevano permettersi una cavalcatura, come i ricchi mercanti o i nobili. Spesso il pellegrinaggio avveniva in gruppo per difendersi da malfattori ed aiutarsi reciprocamente. A volte avveniva per mare, risalendo il Tevere fin dentro Roma.

 

Un’imponente struttura ospedaliera attendeva i pellegrini: ospizi retti da corporazioni, confraternite, ordini militari, conventi, singoli privati che erano pronti ad accogliere i pellegrini in transito.
Nel Medioevo Roma non rappresentava l’unica meta. La Francigena continuava fino in Puglia (al santuario di San Michele Arcangelo), dove ci si poteva anche imbarcare alla volta di Gerusalemme.
Santiago (con la tomba dell’apostolo Giacomo), Roma e Gerusalemme costituivano i pilastri del pellegrinaggio medievale.


Francesco Zappa, classe III AM





Colpito, una storia di coraggio e di legalità

Giovedì 7 aprile, dalle ore 9:30 alle 12:00, presso l’istituto tecnologico Leonardo da Vinci (ITIS) si è tenuta una conferenza sulla legalità sostenuta dall’imprenditore Tiberio Bentivoglio. La conferenza per motivi organizzativi è stata svolta solamente con una piccola rappresentanza degli studenti dei vari licei, composta dai rappresentanti di classe delle classi terze, quarte e quinte. Principale scopo della conferenza: quello di combattere “grandi” e “piccole mafie”, a partire da quelle presenti ogni giorno nelle nostre scuole.
Il signor Bentivoglio ha narrato alla vasta platea la forte e tragica storia della sua vita con tono risoluto, deciso e a volte commosso, suscitando un ascolto attivo da parte di tutti gli studenti.


La sua storia iniziò nel 1979 quando il giovane ragazzo calabrese riesce a realizzare il sogno della sua vita: una propria impresa. Negli anni il successo dell’impresa aumenta notevolmente: si cerca così di espandere il territorio della fabbrica ormai divenuto insufficiente a causa dell’immediato sviluppo. Bentivoglio decide di trasferirsi su un territorio più vasto con tre finestre che affacciavano sulla strada principale della città. La felicità e la tranquillità del piccolo imprenditore terminano proprio nel giorno dell’inaugurazione del nuovo stabile; due uomini, membri della ’ndrangheta si presentano per richiedere il pizzo, Bentivoglio, dopo una breve consultazione con la moglie, decide di cacciare i due e di non pagare il pizzo.
Inizia così lo scontro con la potente organizzazione. Dopo questo avvenimento tre mesi partono azioni di terrorismo psicologico contro l’imprenditore: lettere intimidatorie e messaggi diretti e indiretti per destabilizzare la mente del signor Bentivoglio, che però continua a rifiutarsi di pagare il pizzo. Successivamente accadono fatti sconcertanti per Tiberio, poiché, dopo le lettere, la ’ndrangheta fa esplodere metà del suo negozio. Marito e moglie non si piegano e continuano la loro attività a testa alta ricostruendo parte del locale e della merce.
Un altro fatto sconvolge le vie dei due imprenditori: il negozio appena costruito viene dato nuovamente alle fiamme; Bentivoglio vuole lasciare tutto e darla vinta all’associazione, ma sorretto e incoraggiato dalla moglie non si lascia abbattere. Mentre il negozio è in via di ricostruzione, l’imprenditore continua a coltivare il suo sogno vendendo anche l’ultima merce rimasta nei magazzini dell’impresa. E denuncia.
Iniziano così i processi per le varie vicende accadute. Il culmine di questa tragica storia si manifesta sotto un tentato omicidio: mentre era nel suo frutteto il signor Bentivoglio sente spari di pistola alle sue spalle e viene colpito. Rischia la vita. Subito si rifugia all’interno del camion che lo protegge, anche se non completamente, dai colpi di pistola degli attentatori. I processi tra falsi testimoni e vicende sconcertanti continuano ancora oggi dopo anni.


Bentivoglio oggi trova sostegno in associazioni contro l’illegalità come Libera, che si costituisce parte civile nei processi. Oggi l’imprenditore lavora in un locale sequestrato alla mafia, ma la sua vita è segnata profondamente nelle relazioni e negli affetti, nella possibilità di condurre una vita “normale”, scortato giorno e notte da agenti delle forze dell’ordine. A testimonianza della sua coraggiosa esperienza ha scritto un libro, “Colpito” in cui la sua storia diventa un grido di verità e di resistenza contro la prepotenza e la violenza a cui lo Stato, non riesce sempre a dare una valida risposta.
Ciò che più mi ha colpito di tutta questa storia sono la tenacia e il coraggio, la forza e la calma al contempo, di un uomo “semplice” che lotta in prima linea, rischiando la vita ogni giorno, in nome di una giustizia che sia per tutti, soprattutto per i giovani.

Francesco Zappa, III AM

martedì 25 aprile 2017

Calendario dei concerti del Liceo musicale S.Rosa, aprile 2017

Mercoledi 26 aprile Scuola Media "G.Nicolini" ore 17.00

ClaClaQua Classic Clarinet Quartet"
Samuele Tamantini
Vincenzo Simone Nato
Andrea Muroni
Claudio Cappelli            (Classe di clarinetto Prof. Mentuccia Giovanni)

Ensemble vocale "Juvenilis harmonia" del Liceo Musicale
Zazzu E. – Ferretti S. -Anesini G.- Oroni N. – Stella C--Servignani G.-Di Gennaro G. – Castè A. – Anselmi A. – Biagiotti M. – Mancini G. – Malvezzi F. – Burla J.
Classe di Esercitazioni corali Prof. Bernardi Antonella

Venerdi 28 aprile Scuola Media "P.Vanni" ore 17

Ensemble vocale "Juvenilis harmonia" del Liceo Musicale
Zazzu E. – Ferretti S. -Anesini G.- Oroni N. – Stella C--Servignani G.-Di Gennaro G. – Castè A. – Anselmi A. – Biagiotti M. – Mancini G. – Malvezzi F. – Burla J.
Classe di Esercitazioni corali Prof. Bernardi Antonella
Classe di canto Prof. Mattioni Roberto
Classe di Canto Prof. Bernardi Antonella